La ferita di Milano

Non accenna a placarsi nel Pdl lo scontro sui manifesti che hanno equiparato i magistrati ai brigatisti. Ed è normale che sia così perché esso è rivelatore di tensioni più profonde a livello nazionale che, inevitabilmente, si riverberano anche su Milano, ieri culla del berlusconismo, oggi avamposto irrinunciabile per continuare a resistere al potere. Dopo il severo monito del presidente della Repubblica, pesa come un macigno il silenzio del presidente del Consiglio sull’argomento. Senza contare che Lassini, l’autore dei manifesti, ha lasciato trapelare la notizia di avere ricevuto una telefonata di solidarietà da Berlusconi.

(la Repubblica, 24 aprile 2011)

Continue reading

La vera faccia della Lega

«Bisogna respingere gli immigrati, ma non possiamo sparargli, almeno per ora». Con queste incredibili parole il leghista Castelli, ex ministro della Giustizia e attuale viceministro alle Infrastrutture, ha commentato gli ultimi episodi di Lampedusa; del resto «contro le Brigate rosse cosa abbiamo fatto?» ha concluso per puntellare il suo strampalato ragionamento.

(la Repubblica, 13 aprile 2011)

Continue reading