Le bugie di Battisti terrorista non pentito

Ancora un’intervista di Cesare Battisti, questa volta alla rivista brasiliana «Istoe», l’ultima di una serie che si immagina lunga. Forse la soluzione migliore sarebbe ignorarlo, lasciandolo cuocere nella sua gaglioffa mediocrità. Ma poi si pensa alle vittime senza giustizia delle sue azioni, lo si sorprende su una spiaggia brasiliana a cesellare, tra una battuta di pesca e l’altra, la propria immagine di scrittore maudit e allora non si riesce a sfuggire all’esigenza civile di rispondere colpo su colpo alle menzogne da lui rilasciate a mezzo stampa.

(la Repubblica, 29 agosto 2011)

Continue reading

L’Italia di oggi e quella di Tangentopoli

Nell’ Italia di oggi va di moda il gioco dell’ oca: si tirano i dadi, si avanza di qualche casella, ma alla fine si ritorna sempre al punto di partenza, ossia al biennio 1992-93, l’ età di Tangentopoli, perché in tanti sono convinti che l’ attuale fase politica abbia delle analogie con il tempo in cui finì la cosiddetta “Repubblica dei partiti”. L’ ultimo a cogliere elementi di corrispondenza tra i due momenti è stato il leader dell’ Udc Casini nel dibattito alla Camera, il quale ha parlato della «fine di un’ epoca» simile a quella di vent’ anni fa.

Continue reading

Perché Bologna non va dimenticata

Sono trascorsi trentuno anni dalla strage di Bologna. Per ricordare le vittime è stato inaugurato ieri, nel parco di Villa Toschi, un monumento dedicato ai sette bambini morti nell’attentato, il più grave della storia repubblicana: Angela Fresu (3 anni), Luca Mauri (6), Sonia Burri (7), Manuela Gallon (11), Kai Mader (8), Eckhardt Mader (14) e Cesare Francesco Diomede Fresa (14). Tante storie piccole e anonime polverizzate da una mano assassina; un insieme di traiettorie possibili divenute all’improvviso un futuro negato. Non per una tragica fatalità, come sarebbe più comodo pensare, ma perché in Italia nel 1980 c’era chi faceva politica mettendo le bombe allo scopo di uccidere dei cittadini inermi.

(la Repubblica, 2 agosto 2011)

Continue reading