Spagna in crisi ma coesa

È di questi giorni la notizia che, nel mese di dicembre, i consumi spagnoli sono crollati del 4,4% rispetto all’anno precedente. In effetti, chi avesse avuto la possibilità di recarsi a Madrid il mese scorso sarebbe rimasto colpito dalla scarsa affluenza nei ristoranti, un tempo pieni di avventori mangerecci e ciarlieri, e dalla sequela di cantieri abbandonati lungo l’autostrada che porta all’aeroporto.

(Il sole 24 ore, 8 febbraio 2011)

Continue reading

Quando gli italiani danno il meglio di sé

Una sera d’estate in una terrazza romana a parlare con un amico, capitano di ritorno dall’Afghanistan: la moglie aspetta un bambino e lui ha rinunciato a tutte le ferie intermedie per poter rientrare con un mese di anticipo e assistere alla nascita del figlio. Negli occhi il cielo di Kabul, quello vero, più intenso di quello che abbiamo vagheggiato inseguendo con la fantasia «il cacciatore di aquiloni».

(Il sole 24 ore, 10 ottobre 2010)

Continue reading

L’Italia è una sola ma che fatica

Centocinquanta anni
meno uno: è iniziato nei giorni scorsi il conto alla rovescia per le
celebrazioni dell’unità di Italia. Il nostro paese arriva all’appuntamento
stanco e sfiduciato, avviluppato in un mediocre e litigioso presente e, quel
che è peggio, all’apparenza incapace di progettare il proprio futuro. Le
ragioni sono diverse, due le principali. Anzitutto, la difficoltà di
immaginarsi dentro un nuovo scenario mondiale in cui il ruolo e lo spazio
dell’Italia saranno necessariamente inferiori a quello di media potenza degli
ultimi 60 anni. Un dato di fatto che dipende dall’energico galoppare economico
e tecnologico di altri protagonisti globali, dalla Cina, all’India, al Brasile,
che stanno già spostando le gerarchie fra le nazioni e consolideranno le loro
posizioni.

(Il sole 24 ore, 28 marzo 2010)


Continue reading