Santi, poeti, navigatori e razzisti – La Stampa, 13 ottobre 2008

Sono trascorsi settant’anni dalla promulgazione delle leggi razziali in Italia. Un tema di cui sempre più spesso si fa un uso pubblico distorto, volto a isolare i provvedimenti del 1938 dal fascismo nel suo insieme e, di conseguenza, a relativizzare i caratteri strutturalmente violenti e illiberali di quel regime e le sue aspirazioni totalitarie. Certo non aiuta a una maggiore consapevolezza il successo pubblicistico di un’insistita vulgata anti-antifascista tesa ad affermare l’idea che in Italia il razzismo non fu un fenomeno radicato, ma il frutto tardivo dell’opportunismo di Mussolini, che le leggi razziali vennero applicate all’acqua di rose. 

Continue reading

Dionisotti, una generazione di azionisti maestri di se stessi – La Stampa, 22 luglio 2008

A dieci anni dalla morte di Carlo Dionisotti, insigne storico della letteratura italiana, giunge inaspettata e perciò ancora più gradita questa sua raccolta di Scritti sul fascismo e sulla Resistenza (a cura di Giorgio Panizza, Einaudi, pp. LXVIII-276, euro 25). Gli oltre quaranta saggi sono stati scritti nel biennio 1944-1946 e tra il 1964 e il ’68. Forse non a caso, ma col senno di poi, i due soli periodi della recente storia italiana caratterizzati da un fecondo lievito riformatore, un impasto di progetti e di speranze di cui l’autore registra la consistenza iniziale e il progressivo scadimento.

Continue reading