C’erano una volta i cattolici democratici

Una donna che scrive intrecciando volontà e riflessioni, «progetti e gratitudini». Questa è la prima impressione che si prova leggendo il libro di Paola Gaiotti de Biase tra pochi giorni in libreria, Passare la mano. Memorie di una donna dal Novecento incompiuto (Viella, euro 28). Non una semplice autobiografia privata, ma un originale contributo alla critica di se stessa di crociana memoria, in cui lo spazio personale è sempre collegato all’impegno civile e religioso.

(Il sole 24 ore, 10 ottobre 2010)

Continue reading

In politica non c’è partita (a due)

Il modo in cui è
stata respinta la mozione di sfiducia al sottosegretario Caliendo rivela come
l’Italia si appresti a vivere uno scenario che ha il sapore del deja vu
, solo a parti invertite: sembra il gioco dell’oca. Se
nel 2006 era Prodi a dover contrattare giorno per giorno la sua maggioranza,
nei prossimi mesi assisteremo a un’analoga azione da parte di Berlusconi, che,
a parole, minaccerà le elezioni anticipate un giorno sì e l’altro pure, ma, nei
fatti, proverà a stare in piedi aprendo il calciomercato, come già ai tempi del
governo Prodi, intercettazioni docet.


(Il sole 24 ore, 5 agosto 2010)

 

 

 

Continue reading

Il dopo Prodi e il futuro dell’elefante

È trascorso un anno dalla caduta del governo di Romano
Prodi, ma sembra un secolo. Oggi, come persino la moglie del Presidente del
Consiglio ricordava ieri sulla Stampa, il quadro politico del centro-sinistra
appare attraversato da una profonda crisi di fiducia e di prospettive, che ci
consegna un Partito Democratico isolato, incapace di tonificare il proprio
elettorato e di aggregare nuovi consensi, in sofferenza per l’iniziativa di Di
Pietro, colui che sulla carta avrebbe dovuto essere il suo principale alleato.
Se per un attimo guardiamo, senza alcuna nostalgia, a quella che fu la Sinistra
arcobaleno non scorgiamo altro che pulsioni scissionistiche, lo spettro di
ulteriori e inutili frammentazioni e i soliti onirismi comunisti che non
preannunciano nulla di buono.
(La Stampa, 24 gennaio 2009)

Continue reading